Bitcoin supera i $ 32,5K, cosa sta alimentando il rally?

Il 2 gennaio 2021, bitcoin ha finalmente rotto i $ 30.000 intorno alle 12:03 GMT. Quella resistenza aveva frustrato la criptovaluta di punta per diversi giorni poiché c’era un importante muro di vendita a circa $ 30.000 in molti scambi. Molti pensavano che la criptovaluta sarebbe stata rifiutata da quel livello e si sarebbero diretti verso un grande ritiro.

Ma, come è avvenuto durante l’attuale stagione dei tori, il bitcoin ha superato quella barriera e, al momento in cui scrivo, ha stabilito un massimo record di $ 33.090.

La moneta ha guadagnato oltre il 10,8% nelle ultime 24 ore

Bitcoin ha superato i massicci ordini di vendita di circa $ 30.000, il che ha creato un enorme slancio rialzista dopo la liquidazione di corti per un valore di circa $ 130 milioni . I dati mostrano che c’è un crescente afflusso di operatori al dettaglio nel mercato.

La criptovaluta di punta è diventata parabolica e ha persino superato molte aspettative creando uno slancio mai visto prima. Dopo essere esploso sopra i $ 20.000, molti analisti pensavano che sarebbe avvenuto un pullback prima che lo slancio rialzista continuasse. Tuttavia, BTC ha sfidato tutte le probabilità e in due settimane ha superato i $ 33.000. In quel periodo, la criptovaluta ha registrato guadagni da $ 2.000 a $ 3.000 in periodi di 24 ore.

Cosa sta causando questo aumento?

Questo rally è guidato principalmente da investitori istituzionali che attualmente stanno acquistando più bitcoin di quanto i minatori possano fornire quotidianamente. PayPal, Grayscale e MicroStrategy hanno dimostrato al mondo che bitcoin potrebbe svolgere molti ruoli, tra cui agire come risorsa di copertura, risorsa di tesoreria e nuova riserva di valore.

Inoltre, la recente rimozione dal listino di Bittrex delle privacy coin potrebbe alimentare questa ondata. Quel delisting ha sollevato la speculazione secondo cui l’agenzia di regolamentazione potrebbe continuare a vietare le monete per la privacy. Molti scambi giapponesi, sudcoreani e australiani hanno iniziato a rimuovere le monete per la privacy nel 2020 a causa delle nuove linee guida AML del FATF. Ora, l’organismo di regolamentazione negli Stati Uniti sembra aver iniziato a fare pressioni sugli scambi affinché facciano lo stesso.

Se molti più scambi di criptovalute decidono di percorrere la stessa strada, potrebbe esserci una cancellazione di massa dei token per la privacy nella maggior parte, se non in tutti, degli scambi affidabili. La maggior parte dei giocatori nella scena crittografica ha espresso il proprio disappunto per la mossa e ha criticato il governo per aver deciso di reprimere qualcosa che appare principalmente sotto i loro diritti fondamentali, la privacy.